Costellazioni Familiari

Costellazioni Familiari

Cosa sono le Costellazioni Familiari.

Le costellazioni familiari, sempre di più si parla di questo valido metodo di aiuto alla trasformazione emotiva e concreta della persona, per aiutarla a sciogliere i blocchi che le impediscono di arrivare con successo alla sua realizzazione in campo affettivo, lavorativo, spirituale.  Si basa su un lavoro personale che coinvolge tutto il campo energetico familiare fino a ripulirlo di ogni blocco di tipo energetico emozionale e liberare così tutta la discendenza passata e futura di questo peso che impediva la felicità e la realizzazione.

Le Costellazioni Familiari Sistemiche vengono così definite perché l’essere umano prende origine da una Matrice Divina, strutturata all’interno della Costellazione Astrale Primaria (la ruota astrologica di base dell’Universo), alla quale si agganciano le carte astrali di ogni singolo individuo incarnato sulla terra. È da qui che possiamo dire di essere tutti collegati gli uni agli altri in modo sistemico tra di noi e direttamente con il cosmo; questa peculiarità porta l’intreccio del campo animico ed umano dei vari discendenti e di conseguenza il passaggio dei carichi familiari e dei blocchi che possono limitare la persona nella sua realizzazione per fedeltà al clan di appartenenza. È molto importante comprendere questo passaggio, è la base di molte nostre pesantezze e reazioni anche fisiche che possono portare alla necrotizzazione di emozioni le quali poi sfociano in malesseri fisici e malattie invasive.

Nei nostri sette corpi sottili vengono trasmessi carichi, angosce, ansie, rabbie, situazioni segrete mai svelate, provenienti da generazioni lontane rispetto alla nostra, ma ancora in grado di limitare il nostro benessere, ecco perché l’uso dell’arte delle costellazioni familiari facilita e aiuta, per non dire purifica, i campi animici e morfologici di intere generazioni, è uno strumento rapido e di grande aiuto che si può bene integrare con altra tipologia di terapia.

La messa in scena delle Costellazioni Familiari con il metodo Gilles Placet è uno strumento terapeutico che ha come scopo ripulire il campo familiare dalle memorie negative familiari dei traumi e riportare l’ordine all’interno del clan, liberando gli antenati per preparare il futuro alle generazioni successive, perché tutto ciò che non è risolto si trasmette attraverso i sette corpi sottili della persona.

Come detto in precedenza, le costellazioni si sviluppano attraverso una messa in scena durante la quale si entra in connessione con il proprio cervello limbico, che ha la funzione di archiviare tutte le informazioni e di renderle disponibili al bisogno. Attraverso questo principio si può accedere alla memoria dell’albero genealogico, vale a dire al campo morfico della persona per cercare ciò che le impedisce di raggiungere il proprio obiettivo. Nella costellazione l’accesso al campo è ciò che permette ad un rappresentante di reperire le informazioni necessarie allo svolgimento del lavoro. Si sbloccano situazioni anche soltanto a partecipare ed entrare nei ruoli, è uno strumento sacro e di notevole potenza.

 Tipologie di Costellazioni Familiari.

 Sistemiche: sono messe in scena in cui il richiedente non partecipa attivamente allo svolgimento, ma, a  fronte di un obiettivo, seleziona gli attori che rappresentano i suoi familiari, con lo scopo di riportare equilibrio all’interno della famiglia.

Quantiche: sono messe in scena in cui il richiedente è parte attiva nello svolgimento dal momento che riceve anche un trattamento “quantico” e, grazie all’ausilio di alcuni rappresentanti, può raggiungere l’obiettivo prefissato.

Karmiche: sono costellazioni in cui il richiedente non partecipa attivamente allo svolgimento, ma vengono messi in  scena i due piani (il piano astrale ed il piano umano) in cui l’anima ha la possibilità di ripulire e riparare i blocchi Karmici, che impediscono l’attuale personalità di raggiungere gli obiettivi di questa incarnazione.

Detto ciò, in qualsiasi tipo di costellazione, il facilitatore ci metterà attitudine di cuore (“Mi apro – Mi offro – Mi abbandono”), nessun giudizio sulla persona e sulla situazione, impegno e serietà nello svolgimento del lavoro ed infine, ma non per importanza, il rispetto della sacralità del lavoro che viene svolto e dell’energia che essa smuove. Il costellante accetterà qualunque sia il risultato finale, le informazioni che ne deriveranno e la messa in pratica delle stesse.

Chi può farne uso

Ognuno di noi può fare uso di questo strumento, sempre sotto l’occhio attento di un facilitatore, chi sente la necessità di districarsi dai pesi e dai blocchi, di trovare il proprio benessere psico-fisico, di conoscere e comprendere come uscire dalle situazioni limitanti rispetto al proprio vivere concreto.

Le costellazioni apro porte all’infinito amore che tutto purifica e risistema in un’ottica di grande equilibrio e grande rispetto, ridando ad ognuno le responsabilità e il posto all’interno della famiglia.

Alcuni esempi nei quali una costellazione familiare può aiutare e risolvere una situazione:

  • Aiutare a trovare equilibrio e affiatamento all’interno di un team;
  • Risolvere i conflitti tra familiari;
  • Risolvere i blocchi che ti impediscono di realizzarti nella coppia;
  • Risolvere i conflitti all’interno del tuo rapporto di coppia;
  • Liberarti da meccanismi limitanti della famiglia che ti impediscono di vivere come vorresti;
  • Comprendere una malattia;
  • Aiutarti a superare i blocchi che ti impediscono di realizzarti nel lavoro;
  • Ripulire il proprio albero genealogico dai pesi e di conseguenza liberare noi stessi;
  • Liberarsi da pesi karmici;
  • Prendere il nostro posto nella vita.

Questo è solo un piccolo elenco delle infinite possibilità di utilizzo delle costellazioni, un lavoro sacro che va a contatto con le anime e le energie profonde delle memorie familiari.

Svelare le dinamiche del clan familiare ci aiuta a comprendere le nostre inibizioni: si ha in tal modo la possibilità di vivere, creare, essere e amare a partire da quello che siamo veramente. In realtà, questo libro è una sorta di cammino iniziatico verso la Coscienza di sé: diventando consapevoli dei tranelli, dei pregiudizi, delle deviazioni di chi ci ha preceduti, possiamo guarire la nostra anima, migliorare il rapporto con gli altri e sapere finalmente chi siamo.

“La malattia è un conflitto tra la personalità e l’anima. Molte volte, il raffreddore “cola” quando il corpo non piange. Il dolore di gola “tampona” quando non è possibile comunicare le afflizioni. Lo stomaco “arde” quando le rabbie non riescono ad uscire. Il diabete “invade” quando la solitudine duole. Il corpo “ingrassa” quando l’insoddisfazione stringe. Il mal di testa “deprime” quando i dubbi aumentano. Il cuore “allenta” quando il senso della vita sembra finire. Il petto “stringe” quando l’orgoglio schiavizza. La pressione “sale” quando la paura imprigiona. La nevrosi “paralizza” quando il bambino interno tiranneggia. La febbre “scalda” quando le difese sfruttano le frontiere dell’immunità. Le ginocchia “dolgono” quando il tuo orgoglio non si piega. Il cancro “ammazza” quando ti stanchi di vivere. La malattia non è cattiva, ti avvisa che stai sbagliando cammino.”

Alejandro Jodorowsky

“Non sei venuto qui per realizzare il progetto personale degli adulti che ti impongono mete che non sono le tue, la principale felicità che ti offre la vita è consentirti di arrivare a te stesso.”

Alejandro Jodorowsky